STEDE D'TELA, copertina, renzo cantarellli

  1. Una crocia
  2. 'l putin
  3. Lavenza 'n Mag
  4. 'l buscaiol


  1. STABAT MATER
  2. UNA CROCIA
  3. CARRARA 1602
  4. Ia PARTE "SACRUM CONVIVIUM"
  5. 'L PUTIN
  6. LAVENZA 'N MAG
  7. IIa PARTE "SACRUM CONVIVIUM"
  8. MARCO CAVALIERE(la leggenda di)
  9. 'L BANDIT MUSICISTA
  10. TANTUM ERGO
  11. MADUNINA
  12. 'L BUSCAIOL
musiche e arrangiamenti di Renzo Cantarelli e Vito Ulivi, eccetto:"Sacrum Convivium" e "Tantum Ergo" - musiche di Giò Lorenzo Cattani, testi di Tommaso d'Aquino
testi di Renzo cantarelli
flauti e cornamuse:Jacopo Bisagni
voci: Micaela Guerra, Cloride Baroni, Paolo Borello, Sirio Crispi e Marco Baratta
organo, piano e direzione corale: Enrico Barbagli
batteria :Gian Luca Minguzzi
basso acustico:Pietro Bertilorenzi
fisarmonica:Nillo Menconi
violino:Mario Ussi
chitarra:Vito Ulivi

 La città assomiglia a un quadro dipinto dal tempo: ma i quadri sono parole che escono dalla tela e ci attraversano, parole che abbiamo dentro da sempre, senza saperlo. Sono colori, contrasti... gli stessi della vita

TESTI

'L PUTIN
I n'à viste 'l putin
Pu' che drent a 'n casin

D'baldràche spòiate e frustate e po mise a
la gògna 'n t'la piàza d'l dom.
D'braghe strapàte, d'pizzi d'vizzi
e d scrèzi d'tàfi e ficòn.
D'risate, zigali su 'n t'i lerfi, d' stòm 'chi
ar'voltati d'scordia e basìn,
batòlòn da la vòza sguaiàta, sgromati e
d'oriol.... 'n t'l zzacuzin

I n'a viste 'l putin
D'b' gote e b'ghin

Scalamars 'n t' ì sàsi d'la piàza far finta
d' gnènt e miràr dap'rtut,
ar'contar a'l rosàri n't la cèsa c'à 'i er'n
sant'om ch'ì à fàt 'n spùt.
Gàte morte far finta d'gnent nascond'r i oci
e tiràr 'n sàsèt,
ar' voltar 's da la parta d'l gànz,
p'rgàr la Madona... e bat'rs 'l pét.

I n' a visti 'l putìn
D' santòn e santin

Omi sèri con la mutatùra 'n la sacozza
la Bibia e 'na man a i còiòn
Qualcun' altr mèt'rs 'n fila piar 'na scràna
e l'vars i scarpòn.
Zòv'noti ar'parars sòt la gronda
'l cul contr 'a 'l mur e suciàrs 'l diton
e contar tuti omi 'n t' la piàza,
miràr sin 'n fond.. p'r tròvàr 'l còrnòn.

 

(traduzione) IL PUTTO DEL PUDORE

Ne ha viste il putto
più che dentro un casino.

Di puttane spogliate e frustate e poi messe
alla gogna nella piazza del Duomo.
Di mutande strappate, di pizzi, di vizi,
di screzi, di schiaffi e pugni.
Di risate, sigari sulle labbra,
stomaci rivoltati, liti e bacini.
Chiacchieroni dalla voce sguaiata,ripuliti
e l'orologio.. nel taschino.

Ne ha viste il putto
di bigotte e di bigotti.

Inciampare sui sassi della piazza, far finta
di niente e guardare dapertutto,
raccontare durante il rosario nella chiesa
che c'era un brav uomo che le ha sputato addosso.
Gatte morte fare finta di niente
nascondersi gli occhi e tirare un sasso,
voltarsi dalla parte dell'amante,
pregare la Madonna e battersi il petto.

Ne ha visti il putto
di santoni e santini.

Uomini seri col vestito della festa,
in tasca la bibbia e una mano sui coglioni.
Qualcun altro, mettersi in fila,
prendere una sedia e levarsi gli scarponi.
Ragazzi riparasi sotto la gronda,
il culo appoggiato al muro e succhiarsi il pollice,
contare tutti gli uomini della piazza,
guardare fino in fondo per trovare il cornuto.

UNA CROCIA
Una crocia
i è un tochet d' cor chi s'n va
e un po' d'an'ma.Quarcdun chi s'lasc p'r sepr p'r 'ndar luntan,
ochi chiosi chi an vist la paura, la guera e la fama,
chi an ch'rdut, v'sùt bén i an lotat e 'nch pers.

Una crocia
una scrana ch'a l'è sempr vota
un capèd e n'ombred.
Do parola sgrinfiata 'n d' un mur con na fotografia

Una vocia ch'al par ch'a t'chiam e t t'la sent 'n t'l cor
e a n'è vera che 'l temp ch'i pas i t'amaz 'l dolor

Una vocia ch'al par ch'a t'chiam e t t'la sent 'n t'l cor
e a n'è vera che 'l temp ch'i pas t'amaz 'l dolor.

Ricordo le sue parole che giocavano con la vita,
il suo violino che raccontava l'amore.
E' riuscito a regalarmi i colori della musica

 

traduzione

Una croce
è un pezzetto di cuore che se ne va
è un po' d'anima.Qualcuno che ci lascia per sempre per andare lontano.
Occhi chiusi che hanno visto la paura, la guerra e la fame.
Che hanno creduto amato vissuto, hanno lottato e anche perso.

Una croce
una sedia che è sempre vuota
un cappello e un ombrello.
Due parole graffiate su un muro con una fotografia.

Una voce che sembra ti chiami, te la senti nel cuore
e non è vero che il tempo che passa ti uccide il dolore

RASSEGNA STAMPA

sted

E’ USCITO STEDE D’ TELA -Da La nazione

E’ in distribuzione da pochi giorni l’ultima fatica del cantautore Carrarino Renzo Cantarelli. Il lavoro, registrato al Magma Studio è stato arrangiato da Vito Ulivi e Gian Luca Minguzzi ed […]

sted

PRESENTAZIONE DI “STEDE D’ TELA” DI PIETRO DI PIERRO

Renzo ha fatto un lavorone, ha infranto una serie impressionante di luoghi comuni. Innanzi tutto la monocultura “carrarina” , un solo ceppo dialettale ritenuto una sorta di lingua pura rispetto […]

sted

RECENSIONE E SPIEGAZIONE di Rosa Maria Galleni

Il Giorno 19/12/03 Presso la Sala Amendola di Avenza , si è tenuta la presentazione del CD “ Stede d’ tela” del Cantautore Carrarese  Renzo Cantarelli. La Prof.ssa Rosa Maria […]

LEGGI TUTTO